ricette

SPAGHETTONI MAREMMANI, RICOTTA DI MANCIANO, ZAFFERANO E GUANCIALE

Ingredienti :
– 350 gr di ricotta 
– 200 gr di guanciale 
– 500 gr di spaghettoni maremmani  
– Alcuni pistilli di zafferano 
– Pepe q.b. 

Procedura per la preparazione.
Versare in una ciotola la ricotta e i pistilli di zafferano precedentemente lasciati sciogliere in mezzo bicchiere di acqua calda. Aggiungere un pizzico di sale e macinare del pepe sul composto. Girare per qualche minuto fino ad arrivare ad avere una crema ben omogenea.
Fare a tocchetti il guanciale e metterlo in padella fino a renderlo croccante.
Cuocere gli spaghettoni maremmani in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Mettere in una ciotolina una metà del guanciale croccante.
Ripassare a fuoco medio gli spaghettoni nella padella con la parte rimanente del guanciale. Spegnere il fuoco e aggiungere la crema di ricotta e zafferano.
Fare i piatti e su ogni piatto aggiungere un cucchiaio del guanciale croccante precedentemente messo da parte.

GNUDI MAREMMANI RICOTTA E SPINACI 

Ingredienti per 2 persone: 
– 200 grammi ricotta (se possibile mista come quella del Caseificio di Manciano) 
– 250 grammi di spinaci 
– 50 grammi di parmigiano grattugiato 
– 1 tuorlo d’uovo a temperatura ambiente 
– Farina q.b. 
– Noce moscata q.b. 
– Sale q.b. 
– Pepe q.b. 

Procedura per la preparazione. 
Lessare gli spinaci.
Lasciate raffreddare gli spinaci, strizzarli e tagliarli con delle forbici. 
In una ciotola unire la ricotta, il tuorlo d’uovo, il parmigiano e qualche cucchiaio di farina e gli altri ingredienti (sale, pepe, noce moscata). 
Mettere in frigorifero il preparato per almeno tre ore. 
Predisporre alcune manciate di farina su un piano. Prendere l’impasto tirato fuori dal frigorifero e iniziare a formare delle palline passandole nella farina e disporle in un vassoio. 
Сuocere gli gnudi maremmani in acqua bollente. 
Scolarli una volta che verranno a galla.
Condire gli gnudi con burro e salvia o con ragù. 
Una spolverata di parmigiano può rappresentare un tocco di rifinitura. 
Buon appetito!

RISOTTO CON ROSMARINO E STRACCHINO

Ingredienti per 4 persone: 
– riso carnaroli (4 pugni per persona) 
– brodo vegetale 
– cipolla 
– olio extravergine di oliva TENUTA L’ALBERONE
– 1 bicchiere di vino bianco 
– 3 rametti di rosmarino 
– 1 panetto di Stracchino di Sorano 

Far rosolare mezza cipolla fatta a tocchetti in poco olio. A questo punto aggiungere il riso e gli aghi del rosmarino appena lavati. Far saltare il riso e aggiungere il vino. 
Far evaporare e proseguire la cottura aggiungendo di tanto in tanto il brodo vegetale. Prima di spegnere il fuoco, a cottura ultimata, unire lo stracchino. Amalgamare bene mescolando. 
Una cena al profumo di Toscana è garantita!

SPAGHETTONI ALLA BOTTARGA DI ORBETELLO

Ingredienti per 4 persone: 
– 500 gr. spaghettoni 
– 150 gr. Bottarga di muggine della Laguna di Orbetello 
– Olio Extravergine d’Oliva TENUTA L’ALBERONE

Mettiamo sul fuoco una pentola con almeno 5 litri di acqua. Aggiungiamo una presa di sale. 
In una ciotola a parte grattiamo la bottarga. 
Nel frattempo mettiamo a soffriggere l’olio con uno spicchio di aglio. 
Scoliamo la pasta al dente e la facciamo ripassare nell’olio. 
Spegniamo il fuoco, aggiungiamo la bottarga e iniziamo a mantecare, se necessario aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura per rendere la pasta più cremosa. 
Servire nel piatto e guarnire con prezzemolo e grattugiamo altra bottarga sul piatto. 
Per completare aggiungiamo un goccio d’olio al peperoncino habanero chocolate. 
La bottarga non va assolutamente cotta ma va aggiunta a fuoco spento. 
Buon appetito!

PAPPARDELLE ALL’UOVO

Per le nostre pappardelle usiamo la ricetta Toscana di sempre, semplice ma intramontabile e le stendiamo rigorosamente con il Mattarello di legno Ingredienti per 2 persone:
2 uova grandi a temperatura ambiente
200 gr di farina “00”

Un piccolo segreto è quello di utilizzare uova a temperatura ambiente.

Setacciate la farina e mettetela sulla spianatoia andando a disporla a Fontana.
Un piccolo vulcano di farina con al centro il buco per le uova.
Rompete le uova all’interno della Fontana e iniziate a sbatterle con la forchetta prendendo nell’impasto poca farina alla volta.
Quando vedete che l’impasto acquisisce consistenza iniziate a impastare con le mani questo panetto che avrete ottenuto. A questo punto formate una bella palla, perfettamente tonda.
Lasciate riposare 15 minuti.
Ora iniziate a stendere la pasta: sopratutto nella parte contrale per far sì che le pappardelle abbiano tutte lo stesso spessore. La pasta dovrebbe risultare elastica e compatta, quindi non preoccupatevi se ne sporgerà un poco dalla spianatoia,ora piegate la pasta, delicatamente, formando un rotolo,se la giornata è umida infarinate leggermente la pasta prima di piegarla, in modo che non si incolli,ora, con un coltello ben affilato, tagliate le pappardelle. Dovranno essere larghe poco più di un dito,ora srotolate le pappardelle,se volte conservarle arrotolate le pappardelle, poche per volta, intorno alla mano per formare delle piccole matasse. Le pappardelle sono pronte! Buon appetito!

LA CIACCA TOSCANA DI PASQUA

Ingredienti 
– 350 gr. di farina 0 
– 90 gr. di parmigiano grattugiato 
– 25 gr. di pecorino toscano stagionato 
– 40 gr. di groviera 
– 6 uova 
– 1 cucchiaio di Olio extra vergine di oliva 
– Sale e pepe q.b. 
– 7 gr. di lievito di birra 
– 1/2 cucchiaino di “Spezie toscane”

Iniziamo la preparazione mettendo le uova intere in una ciotola le uova e poi aggiungiamo parmigiano e pecorino grattugiati, le spezie toscane, sale , pepe e olio extravergine di oliva. Una volta che il composto è ben amalgamato setacciamo la farina 0 la versiamo a filo nel composto assieme con il lievito di birra precedentemente sciolto in poca acqua tiepida. A questo punto mescoliamo ben benino in modo da rendere uniformi e ben amalgamati tutti gli ingredienti. Tagliamo la groviera a cubetti e la uniamo all’impasto. Mettiamo ora il composto della Ciacca di Pasqua in una teglia profonda in modo che non superi la metà dei bordi. Lasciamo lievitare per circa 3 ore coprendo con un panno umido. Una volta passate le tre ore cospargiamo l’impasto con una spennellata di tuorlo d’uovo e olio per dare così alla nostra Ciacca un bel colore dorato. 
Mettiamo nel forno preriscaldato a 200° e cuociamo per 10 minuti. A questo punto abbassiamo il forno a 180 gradi e proseguiamo ancora per mezz’ora! 
La Ciacca è pronta! Buona Pasqua! 

CIAMBELLINE DI NONNA ENRICA AL VERMENTINO TOSCANO

Una ricetta semplice della tradizione per avere in casa un tocco di dolce al profumo del nostro vino 

Ingredienti:
– 500 gr farina 
– 1 bicchiere olio arachidi 
– 1 bicchiere di zucchero 
– 1 bicchiere di vino vermentino 
– 1 bustina lievito dolci 
– (se piacciono di possono aggiungere al composto alcuni semi di anice) 

Amalgamare gli ingredienti, lasciare riposare per circa 1/2 ora, dopodiché formare un budellino di pasta e fare le ciambelline (piccoline). 
In un piatto mettere dello zucchero dove passare le ciambelline prima di metterle in una leccarda foderata di carta forno. 
Cuocere nel forno (ventilato) a 150°/160° per circa 30/35 minuti (girarle dopo 20 minuti di cottura e rinfornarle per altri 10/15 minuti). 
A cottura ultimata lasciarle un po’ nel forno perché devono rimanere croccanti. Buon appetito a tutti i Gourmet maremmani!

Polpa di vitello al vino rosso

Ingredienti 
1 kg di polpa di vitello a pezzetti 
Un bicchiere di vino rosso Tenuta L’Alberone 
1 cucchiaio di polpa di pomodoro 
Brodo di carne 
Alloro 
Rosmarino 
Sale 
Olio extra vergine di oliva Tenuta L’Alberone 
Condimento a base di Olio extravergine di Oliva e Peperoncino Habanero Chocolate

In una pentola far dorare l’aglio nell’olio, aggiungere la carne di vitello e far rosolare. Aggiungere l’alloro e il rosmarino e sfumare con il vino rosso, poi aiiungere il condimento a base di olio e peperoncino, abbassare la fiamma e aggiungere il concentrato di pomodoro e il brodo poco alla volta, coprire e portare a cottura. Far cuocere per circa 2 ore. 

CROSTINI AI FUNGHI

Uno dei più diffusi ed apprezzati piatti a base di funghi porcini che possano assaporare in Maremma durante la stagione invernale

Ingredienti:
olio extravergine di oliva Tenuta L’Alberone
1/2 cipolla bianca, tritata finemente
1 spicchio di aglio sbucciato
500gr di funghi porcini a cubetti
100ml di vino rosso
pane toscano, fatto a fettine e tostato

Riscaldare l’olio in una pentola di medie dimensioni, aggiungere l’aglio e la cipolla e lasciar rosolare. 
Aggiungere i funghi e il vino rosso. Lasciar evaporare il vino. Una volta pronto, servire il composto sulle fette di pane tostato

Le pappardelle al ragù di cinghiale

Ingredienti: 
700 gr di cinghiale 
1 cipolla 
1 gambo di sedano 
sale e pepe qb 
500 ml di vino rosso 
2 spicchi di aglio 
1 gambo di sedano 
500 gr di passata di pomodoro 
1 carota 
olio extravergine d’oliva Tenuta L’Alberone
1/2 bicchiere di vino rosso 
rosmarino e salvia qb 
1 foglia di alloro 
400 gr di pappardelle fresche all’uovo 

Trasferite i pezzetti della carne di cinghiale in un contenitore largo. Aggiungete circa 500 ml di vino rosso, gli spicchi di aglio, il sedano, l’alloro, il rosmarino e la salvia. Mescolate e fate riposare per tutta la notte all’interno del frigo. 
Il giorno successivo tritate la carota, il sedano e la cipolla e metteteli a soffriggere in un tegame con abbondante olio della nostra bottega. Una volta dorati, unite la carne e fate rosolare bene anche questa, quindi sfumate con il vino rosso. Una volta evaporato coprite con la passata di pomodoro, regolate di sale e pepe e fate cuocere per circa 2 ore su fiamma bassissima, mescolando di tanto in tanto. Mettete a lessare le pappardelle in acqua bollente salata ed una volta cotte conditele con il ragù di cinghiale.